Jazz in cucina: la playlist per una cena impeccabile
29/03/2019

Jazz in cucina: la playlist per una cena impeccabile

Tempo di lettura
5min

Il 30 aprile si festeggia la giornata internazionale del jazz e per l’occasione abbiamo selezionato la miglior musica di sottofondo per una cena con gli amici. Il jazz è la giusta colonna sonora per una frizzante serata a tavola, lasciatevi conquistare dalle sue note.


Chet Baker – Tasty Pudding

Una playlist jazz non è una playlist jazz senza Chet Baker. Tra i più grandi trombettisti al mondo, la sua espressione artistica intimista è perfetta come musica di sottofondo per cena e dopo-cena. L’atmosfera creata da Tasty Pudding ne è la conferma: soffusa e rilassata, in pieno stile Baker. 


Duke Ellington – Sugar Rum Cherry

Sugar Rum Cherry è una straordinaria rivisitazione di Ellington del Valzer dei fiori di Tchaikovsky. Sensuale e sinuosa, stravolge completamente la versione originale, riconoscendo il tocco straordinario di Duke Ellington. La vostra casa si trasformerà nel Cotton Club degli anni d’oro.


Bud Powell – The Fruit

Il pianoforte è una superficie liscia per Bud Powell, che sembra danzare sui tasti senza il minimo sforzo. Powell fu un vero virtuoso, una figura fondamentale per la nascita del jazz moderno. In The Fruit potrete gustare tutto il suo estro artistico e la fluidità dei suoni.


Duke Pearson – Chili Peppers

Stile elegante ed essenziale, Duke Pearson fu un pianista famoso negli anni Sessanta. La sua Chili Peppers unisce jazz e influenze funky, dal ritmo coinvolgente. La colonna sonora ideale per una serata frizzante.  


Jimmy Smith – T-bone Steak

Soprannominato The Incredible Jimmy Smith, il suo segno di distinzione era l’organo elettrico. Con la sua musica influenzò la nascita del soul jazz, che prende spunto da blues, gospel e rythm and blues. Un trittico eclettico.


Paul Desmond – Samba With Some Barbecue

Lo stile di Paul Desmond venne ispirato dalle musicalità sudamericane e Samba with barbecue ne è l’esempio perfetto. Desmond disse di “avere un suono simile a un Martini secco”, a maggior ragione è la colonna sonora perfetta per un drink con gli amici.


Johnny Griffin – Hot Sausage

Griffin fu uno dei sassofonisti solisti più focosi della storia del jazz. Per questo Hot Sausage non poteva mancare nella nostra selezione di musica di sottofondo per cena. Ritmo e brio, i suoi arrangiamenti sapranno scaldare la serata.


Tony Scott & Bill Evans – Vanilla Frosting On A Beef Pie

Tony Scott, clarinettista, e Bill Evans, pianista, collaborarono negli anni assieme. E quando due grandi virtuosi del jazz si incontrano, il risultato è solo uno: un pezzo perfetto per un cocktail party impeccabile. 


E se avete fatto indigestione di jazz? Nessun problema, potete rifugiarvi in altri mondi musicali con la nostra playlist dedicata alla birra.